Preghiera per problemi economici

Uba preghiera per risolvere i problemi economici, specialmente in questo periodo di crisi finanziaria. Speriamo possa essere utile a tutti coloro che sono a corto di soldi.

Signore Gesù, vengo a mettermi alla Tua presenza in questo momento e a offrirti la mia vita con tutto ciò che porto nel cuore: le mie angosce, la mia tristezza, la mia solitudine, e soprattutto, Gesù, la preoccupazione che nutro per le mie condizioni finanziarie.

Voglio chiederti di effondere il Tuo Sangue su di me e su tutta la realtà che circonda la mia vita finanziaria, e sul modo in cui influisce sulla mia famiglia, sul mio lavoro e sulle persone con cui mi relaziono.

Ho vissuto momenti di grande afflizione, perché la mia vita finanziaria è completamente disorganizzata.

Oggi ho molti debiti e non so davvero cosa fare.

Ho dei conti da pagare, l’affitto in ritardo, devo del denaro ad altre persone, e questo sta compromettendo la mia famiglia e la nostra armonia familiare.

Per questo ti supplico: Gesù, effondi su tutto questo il Tuo Sangue, perché se ci fosse qualche tipo di problema spirituale direttamente legato alla mia vita finanziaria sia eliminato con il potere del Tuo Sangue!

La Tua parola dice: “Non preoccupatevi dunque dicendo: ‘Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?’.

Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno.

Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta.

Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena” (Mt 6, 31-34)

Per questo, Gesù, se fino a oggi non ho vissuto secondo la Tua volontà, oggi voglio impegnarmi a vivere in base ad essa. Se fino a oggi ti ho cercato solo per quello che potevi darmi, oggi

Ti cerco perché ho capito che ho bisogno della Tua presenza in tutto.
Ti chiedo, però, Signore Gesù, di liberarmi da tutti i problemi che ho nella mia vita finanziaria, perché credo nella Tua Parola e che Tu mi guardi e ti preoccupi per la realtà finanziaria che sto vivendo.

Invoco il potere del Tuo nome, Gesù, su tutto il mio albero genealogico, su tutti i miei avi.

Se tra i miei antenati ci sono state discussioni per questioni finanziarie, furti o tradimenti nella nostra famiglia e sono state scagliate parole di maledizione, parole pronunciate con odio, rabbia o invidia, elimina tutto questo nel potere del Tuo nome, Gesù!

Nulla di tutto ciò abbia più potere su di me o sulla mia vita finanziaria.

Se tra i miei antenati ci sono state situazioni di persone attaccate al denaro, situazioni di omicidio a causa del denaro, ambizione, denaro familiare speso per cose illecite, droghe, prostituzione, sesso, adulterio, menzogne… renditi ora presente in tutto questo, Gesù, e che il Tuo nome lo curi e lo liberi.

Se i miei antenati o io abbiamo speso del denaro in cose sbagliate o per alimentare situazioni di peccato, oggi chiedo perdono, perché so che il denaro speso male può diventare una maledizione per noi, e per questo liberaci.

Il Tuo Sangue redentore possa essere effuso su di me e sui miei antenati se abbiamo cercato soluzioni in cui Tu non eri presente: se abbiamo cercato aiuto negli incantesimi, nell’occultismo, nella macumba, nella chiromanzia, nella negromanzia; in tutto questo, Signore Gesù, proclamo il Tuo potere e la Tua liberazione.

Se ho cercato aiuto finanziario attraverso la stregoneria, se ho cercato dei maghi, se ho agito contro altre persone, se la mia casa è stata usata a questi scopi, il mio lavoro, il mio studio, RINUNCIO a tutto questo ora, Gesù, per il potere del Tuo Nome! Rinuncio a tutto questo!
Ti chiedo perdono se io o i miei antenati abbiamo cercato tutte queste cose, che oggi so che non gradisci.

Ti chiedo perdono, Gesù, se ho dubitato del fatto che ti prendi cura di me e della mia famiglia. Perdonami se Ti ho offeso con brutte parole, se ti ho incolpato per questa difficoltà finanziaria, perdono, Signore!

Perdonami se ho maledetto la mia vita finanziaria, dicendo che quello che guadagno è una miseria, che passo la fame, che il mio salario è pessimo, che non serve a niente
Perdonami se ho maledetto il mio impiego, i miei capi, se ne ho parlato male augurando loro il male e il dolore!

Voglio anche perdonare chi è stato ingiusto con me, quando ha ritardato il pagamento del mio stipendio o non mi ha pagato quello che mi spettava.

Lo perdono ora nel Tuo Nome, Gesù.

Da oggi, Signore Gesù, possa io cogliere i frutti della liberazione da tutti i problemi e i debiti nella mia vita finanziaria.

Effondi il Tuo Spirito Santo su di me e aiuta le mie capacità naturali, perché trovi un modo per saldare i miei debiti, perché so che il denaro non cade dal cielo.

Rafforza le mie conoscenze, donami saggezza, organizzazione e la capacità di amministrare questi debiti.

Ti chiedo di aprirmi le porte di nuove opportunità di impiego, che le situazioni lavorative e finanziarie vadano avanti per la forza del Tuo Nome, Gesù.

Lo Spirito Santo mi dia la tranquillità e la calma necessarie in casa, con i miei familiari, e non permetta la disperazione e l’impazienza!

Voglio proclamare che da oggi sono una persona nuova, che la mia vita finanziaria si risolverà presto e che ti cercherò con fedeltà di cuore!

Metto tutto nelle Tue mani, e per questo proclamo: Signore, confido e spero in Te!

Amen!

Preghiera alla Madonna del Tindari

A Tindari, nel comune di Patti, nella città metropolitana di Messina, sorge il santuario della Madonna Nera.

La statua risale all’ottocento/novecento e alla Madonna del Tindari sono attribuite tante grazie. Di seguito proponiamo la versione originale della preghiera a lei dedicata

Vergine pietosissima del Tindari, Madre nostra e Fiducia nostra, il tuo benedetto Santuario, già tanto bello nelle sue linee e così ricco nelle sue decorazioni, è impreziosito dalla tua presenza, che quasi si avverte sensibilmente, è sorriso dal tuo sguardo materno, è profumato dai dolci ricordi delle innumerevoli grazie ottenute ai tuoi figli.

A questo Santuario si appuntano gli sguardi e i cuori dei tuoi figli, vicini e lontani; in questo sacro recinto, dinanzi al tuo trono di misericordia, si prostrano i tuoi devoti ansiosi di conforto, di aiuto, di grazie.

O bruna Madonnina del Tindari, che da circa dodici secoli innumerevoli grazie hai elargito a coloro i quali ti hanno invocata sotto questo dolce titolo, da cotesto sacro colle anche su noi spandi la pioggia benefica delle tue mistiche rose: ottienici il perdono dei peccati, fortificaci nelle tentazioni, concedici il distacco dai piaceri terreni ed il sapore ineffabile delle cose celesti, versa sul nostro cuore rattristato una goccia di quel conforto copioso che trabocca dal tuo cuore materno. Difendici nei pericoli, guarisci le nostre malattie, donaci rassegnazione nelle avversità, concedi la pace al nostro spirito e alla nostra famiglia.

Fai che possiamo raggiungere il Cielo, per essere rapiti e ricreati dalla visione celestiale del tuo volto materno.

O bruna Madonnina del Tindari ti domandiamo queste grazie a nome di tanti bambini innocenti, di tante anime elette, di coloro che soffrono nel corpo e nello spirito.

«Deh! ascolta i nostri gemiti, consola i nostri cor» e tra le tante grazie concedici quelle che più ci stanno a cuore e di cui abbiamo maggiore bisogno…

(Si chieda qualche grazia in particolare)

Salve Regina…

Preghiera per tutti i giorni, quotidiana

Rendici degni, Signore,
di servire i nostri fratelli in tutto il mondo
che vivono e muoiono in povertà e fame.
Dà loro quest’oggi, attraverso le nostre mani,
il loro pane quotidiano
e con il nostro amore comprensivo,
dà pace e gioia.
Signore,
fa di me un canale della tua pace
così che dove c’è odio,
io possa portare amore;
che dove c’è ingiustizia
io possa portare lo spirito del perdono;
che dove c’è discordia
io possa portare armonia;
che dove c’è errore,
io possa portare verità;
che dove c’è dubbio
io possa portare fede;
che dove c’è disperazione
io possa portare speranza;
che dove ci sono ombre
io possa portare luce;
che dove c’è tristezza
io possa portare gioia.
Signore,
fa che io
possa piuttosto cercare di confortare
invece di essere confortato;
di capire
invece di essere capito;
di amare
invece di essere amato;
perchè è col dimenticare se stessi che si trova;
è col perdonare che si è perdonati;
è col morire che ci si sveglia alla vita eterna.
Amen.