Preghiera per far tornare un amore perduto per far innamorare

Abbiamo ricevuto molte richieste per pubblicare una preghiera per far tornare un amore perduto, una preghiera per far innamorare la persona desiderata, o addirittura una preghiera per far telefonare. In rete se ne trovano veramente tante. Diciamo che sono, più che altro, rimedi di fattucchiere e cartomanti, non adatte ai Cattolici e seguaci di Gesù Cristo.

L’amore genera felicità ma anche tanta sofferenza, ne siamo consapevoli ma il rimedio non è quello di rivolgersi a cartomanti che preparano preghiere e infusi per far tornare la persona amata. Per risolvere i problemi d’amore ci vuole tanta forza di volontà e una fede immensa in Nostro Signore, solo lui ci può aiutare e guidare verso la strada giusta, verso la pace interiore.

Ecco una semplice preghiera per risolvere problemi d’amore:

“Dio mio Onnipotente, sii Benedetto. Ti prego di ascoltarmi e di aiutarmi. Sto soffrendo tantissimo perchè ________ (nome della persona) non mi ama, non ricambia i miei sentimenti. Ti prego di guidarmi, di indicarmi la strada da seguire per trovare la serenità, fammi capire se lui (o lei) farà parte della mia vita. Ti prego mio Signore, non lasciarmi nello sconforto e proteggimi. Amen”.

Di seguito recita anche queste preghiere:

PREGHIERA A SAN MICHELE ARCANGELO

San Michele Arcangelo,
difendici nella battaglia
contro le insidie e la malvagità del demonio,
sii nostro aiuto.

Te lo chiediamo supplici
che il Signore lo comandi.

E tu, principe della milizia celeste,
con la potenza che ti viene da Dio,
ricaccia nell’inferno Satana e gli altri spiriti maligni,
che si aggirano per il mondo a perdizione della anime.
Amen

PREGHIERA di LIBERAZIONE

O Signore tu sei grande, tu sei Dio, tu sei Padre, noi ti preghiamo per l’intercessione e con l’aiuto degli arcangeli Michele, Raffaele, Gabriele, perché i nostri fratelli e sorelle siano liberati dal maligno.

Dall’angoscia, dalla tristezza, dalle ossessioni. Noi ti preghiamo, liberaci, o Signore.
Dall’odio, dalla fornicazione, dalla invidia. Noi ti preghiamo, liberaci, o Signore.
Dai pensieri di gelosia, di rabbia, di morte. Noi ti preghiamo, liberaci, o Signore.
Da ogni pensiero di suicidio e aborto. Noi ti preghiamo, liberaci, o Signore.
Da ogni forma di sessualità cattiva. Noi ti preghiamo, liberaci, o Signore.
Dalla divisione di famiglia, da ogni amicizia cattiva. Noi ti preghiamo, liberaci, o Signore.
Da ogni forma di maleficio, di fattura, di stregoneria e da qualsiasi male occulto. Noi ti preghiamo, liberaci, o Signore.

Preghiamo:
O Signore che hai detto: “Vi lascio la pace, vi do’ la mia pace”, per l’intercessione della Vergine Maria, concedici di essere liberati da ogni maledizione e di godere sempre della tua pace. Per Cristo nostro Signore. Amen.

PREGHIERA CONTRO IL MALE
Signore Dio nostro, o sovrano dei secoli, onnipotente e onnipossente, tu che hai fatto tutto e che tutto trasformi con la tua sola volontà; tu che a Babilonia hai trasformato in rugiada la fiamma della fornace sette volte più ardente e che hai protetto e salvato i tuoi santi tre fanciulli.

Tu che sei dottore e medico delle nostre anime: tu che sei la salvezza di coloro che a te si rivolgono, ti chiediamo e ti invochiamo, vanifica, scaccia e metti in fuga ogni potenza diabolica, ogni presenza e macchinazione satanica, e ogni influenza maligna, ogni maleficio o malocchio di persone malefiche e malvagie operati sul tuo servo (nome).

Fa’ che in cambio dell’invidia e del maleficio ne consegua abbondanza di beni, forza, successo e carità; tu, Signore che ami gli uomini, stendi le tue mani possenti e le tue braccia altissime e potenti e vieni a soccorrere e visita questa immagine tua, mandando su di essa l’Angelo della pace, forte e protettore dell’anima e del corpo, che terrà lontano e scaccerà qualunque forza malvagia, ogni veneficio e malia di persone corruttrici e invidiose; così che sotto di te il tuo supplice protetto con gratitudine ti canti: “Il Signore è il mio soccorritore e non avrò timore di ciò che potrà farmi l’uomo”.

E ancora: “Non avrò timore del male perché tu sei con me, tu sei il mio Dio, la mia forza, il mio Signore potente, Signore della pace, padre dei secoli futuri”.

Sì, Signore Dio nostro, abbi compassione della tua immagine e salva il tuo servo (nome) da ogni danno o minaccia proveniente da maleficio, e proteggilo ponendolo al di sopra di ogni male; per l’intercessione della più che benedetta, gloriosa Signora la Madre di Dio e sempre Vergine Maria, dei risplendenti Arcangeli e di tutti i tuoi santi.
Amen.

O Cuore Eucaristico di Gesù, per quella fiamma d’amore di cui ardesti nel momento solenne nel quale tutto a noi ti donavi nella Santissima Eucaristia, umilmente ti supplichiamo a degnarti di liberarci potentemente e di custodirci incolumi da ogni potestà, laccio, inganno e malvagità degli spiriti infernali. Così sia.

Santa Rita da Cascia

Venerata da moltissimi fedeli e considerata la santa dei casi impossibili, Santa Rita da Cascia è ad oggi un’icona per tante persone che vivono sofferenze inaudite nella loro quotidianità.

La sua storia, toccante e commovente, manifesta con molta chiarezza come le tribolazioni hanno contrassegnato la vita delle persone più pure e più sante, proprio come lo è Santa Rita.

Giovanissima fu data in sposa ad un uomo irascibile con cui ebbe due figli, ma il suo amore riuscì a rendere il carattere del marito più docile.

Santa Rita subì il dolore della morte del marito prima, ucciso, e dei suoi figli dopo, ma non abbandonò mai la speranza di trasformare tutto ciò che aveva generato odio in amore.

E così, con la sua dedizione e il profondo dolore che conservava nel cuore, rendeva grazie a Dio perché non aveva fatto dei suoi figli degli assassini e lottò con tutte le sue forze per riappacificare la famiglia del marito con chi lo aveva ucciso.

Rita entrò in convento dove visse per gli ultimi 40 anni di vita in penitenza, contemplazione e preghiera, dedita al Signore.

La vita di questa donna, operosa nel bene e nell’umiltà, fu segnata dalla croce e 15 anni prima di morire ricevette anche quella spina della corona del Cristo che lei tanto agognava.

Sopportò il dolore con il sorriso e senza mai lamentarsi e l’aver compreso la sapienza della Croce le dava una speciale serenità.

Santa Rita diffuse la gioia del perdono immediato e sincero, della pace perseguita come bene supremo, dell’amore fraterno e sincero e della croce portata con Cristo e per Cristo. La sua forza ci invita a fidarci di Dio perché si compiano in noi i disegni divini.

Per tutte le tribolazioni e per affrontare la vita con devozione cristiana rivolgersi a Santa Rita con queste preghiere.

Tutte le preghiere potete trovarle sul sito Preghiere del mattino : Santa Rita da Cascia

Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile

Sotto il peso del dolore, a te, cara Santa Rita, io ricorro fiducioso di essere esaudito. Libera, ti prego, il mio povero cuore dalle angustie che l’opprimono e ridona la calma al mio spirito, ricolmo di affanni.

Tu che fosti prescelta da Dio per avvocata dei casi più disperati, impetrami la grazia che ardentemente ti chiedo [chiedere la grazia che si desidera].

Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile

“Sotto il peso del dolore, a te, cara Santa Rita, io ricorro fiducioso”

Se sono di ostacolo, al compimento dei miei desideri, le mie colpe, ottienimi da Dio la grazia del ravvedimento e del perdono mediante una sincera confessione.

Non permettere che più a lungo io sparga lacrime di amarezza.

O santa della spina e della rosa, premia la mia grande speranza in te, e dovunque farò conoscere le grandi tue misericordie verso gli animi afflitti.

O Sposa di Gesù Crocifisso, aiutami a ben vivere e a ben morire. Amen.

Preghiere della Domenica

Ecco due preghiere da recitare la Domenica per ringraziare e chiedere aiuto a Dio Padre ed a Gesù Cristo nostro Salvatore.

PREGHIERE DELLA DOMENICA

A DIO PADRE

Ti ringrazio, Padre,
per questo nuovo giorno.
Aiutami a viverlo in amicizia
con te e con il prossimo.
Donami la forza per affrontare
gli impegni che mi aspettano.
Aiutami a condividere la gioia
e a superare le difficoltà.

A GESÙ

Gesù, oggi, come ogni giorno,
con i famigliari, con i collegi, con gli amici,
con coloro che semplicemente incontrerò,
tu busserai alla mia porta.
Aiutami a riconoscere la tua voce,
e ad aprirti sempre,
così che tu possa entrare nella mia vita
e restare con me.